Il caffè turco

Storia del caffè turco

Il caffè turco è la modalità di preparazione più antica. Basti pensare che già dal 1500 in Turchia erano presenti già le prima caffetterie. In particolare nel 1554 nasce qui ad Instanbul ila prima caffetteria, la “Scuola delle persone colte”.

Un luogo dedito allo scambio di opinioni , informazioni sulla filosofia, sulla musica dove si praticava il gioco degli scacchi e il tavla il nostro backgammon.

È qui che nasce il detto sul caffè. La bevanda è descritta come il “ latte dei giocatori di scacchi e dei pensatori” . Il caffè è l’origine del mondo secondo l’islam addirittura si dice che prima della creazione Allah avesse bevuto caffè per aumentare creatività e fantasia.

Inserito come patrimonio immateriale dell’umanità da Unesco nel 2013 il Turk Kahvesi racchiude un immaginario rituale stupendo e artistico. Qui nella patria della civiltà il servizio del caffè è riconosciuto da tutti come di estrema importanza e identitario della cultura.

Talmente importante che esisteva una legge per cui il marito se non fosse riuscito nemmeno a procurare un caffè al giorno alla propria consorte non sarebbe stato degno della compagna.

Il caffè turco prende il nome da

Il caffè turco prende il nome da dove è nata questa metodologia di preparazione, in Turchia. La tecnica e il caffè turco sono stati importati a Instanbul dal governatore ottomano a capo dello Yemen, patria d’origine del caffè. La moda di bere caffè si diffonde così nel ponte che collega Europa e Asia per poi allargarsi in tutto il continente europeo.

Il caffè turco rispetto gli altri caffè presenta una preparazione particolare e di conseguenza offre benefici differenti, 

Cerchiamo di capire insieme cosa cambia e perchè è così rinomato

Caffè turco benefici

Il sapore del caffè turco è già un beneficio per la mente! No a parte tutto, a livello scientifico il profumo è caratterizzato da particolari molecole odorose che con il caldo e l’ossigeno si liberano nell’aria sviluppando gli odori caratteristici.Gli aromi del caffè sono più di 800 e esistono differenti sfumature. Ad esempio in un caffè turco potremmo sentire note speziate, floreali, di miele, uva sultanina, frutta secca. Questi aromi bastano a far preparare il cervello a qualcosa di gioioso come bere il caffè. Il profumo penetrante sveglia i nostri sensi facendoci godere la routine dei gesti.

Ecco, il caffè turco possiede un aroma molto più deciso rispetto ai suoi concorrenti. 

La preparazione prevede di macinare sul momento i chicchi del caffè, prima di mischiare insieme alla  polvere di caffè finissima lo zucchero. 

Il segreto è proprio questo perchè il chicco dividendosi in più di 3000 parti diverse sprigiona tutto il suo potere aromatico, senza lasciare niente al tempo. Nel senso, senza far perdere aromaticità al prodotto. 

Lo zucchero, anch’esso finissimo, miscelato insieme alla polvere di caffè e poi infuso, conferisce una particolare texture lievemente granulosa e piacevole

Il Caffè turco si prepara in speciali Cezve o Ibrik

Una preparazione quindi che sprigiona in tazza tutti gli aromi grazie alla miscelazione prima dell’infusione. Inoltre il contenuto di caffeina è maggiore rispetto ad un espresso perchè il caffè è macinato in modo finissimo e rilascia molta caffeina anche l’acqua bollente provvede ad estrarne tutte le molecole. 

Caffè turco: la ricetta

Come si fa il caffè turco?

Intanto ti serve un Ibrik o Cezve. Uno speciale pentolino stretto verso l’alto con un lungo manico. di solito per tradizione è in ottone ma lo puoi trovare anche in altri materiali.

Il Caffè va macinato finissimo per permettere alla polvere di decantare sul fondo una volta infuso. A proposito puoi utilizzare miscele che si prestano quali mocha e java ma l’arabica resta la scelta migliore. 

Anche lo zucchero finissimo per permettere una miscelazione adeguata con la polvere. 

  • Macinare nell’apposito macinino il caffè se non si ha già a disposizione la polvere macinata. 
  • Miscelare polvere di caffè e zucchero dentro il Cezve. Miscela bene!
  • Per fare una dose per 1 persona: aggiungi una tazzina d’acqua fredda ogni due cucchiaini di caffè nel Cezve. Miscela e porta a ebollizione. 
  • Quando bolle prendi l’emulsione della schiuma formatasi in cima al Cezve e versane due cucchiaini nelle tazze (dopo vediamo quali usare). 

Rimetti sul fuoco il Cezve e fai bollire di nuovo. 

  • È pronto, ora versa in tazza chiamata “fildzan” di ceramica, o ottone e ceramica per un servizio corretto e mantenere la cremosità tipica. Aspetta che la polvere decanti.

…E il caffè turco senza cezve?

Per il caffè turco senza Cezve puoi usare un pentolino stretto con un manico. Ripeti lo stesso procedimento fatto sopra anche se ci metterai poco di più a far bollire il composto perchè la forma tipica del cezve a piramide favorisce la bollitura e le proprietà capillari della soluzione.

Caffè turco e sabbia

Il caffè turco si può fare anche sulla sabbia. Questa tecnica è incredibile da vedere e rievoca l’immaginario legato all’ Islam con le sue le distese di sabbia e la cultura legata all’influsso ottomano. Un mix di costumi a metà tra occidente e oriente che rende il bere caffè un rituale inimitabile. Ma come si prepara?

Si prende un contenitore di sabbia grande e si fa scaldare la sabbia sino a farla diventare rovente. Mantenuta rovente dal fuoco serve a far bollire il liquido contenuto nel cezve. Il cezve viene appoggiato sulla sabbia e spostato avanti e indietro per permettere al liquido di ribollire. Conduce il calore più uniformemente di una padella diffondendosi in ogni granello e quindi velocizzando la preparazione. 

Caffè turco e aromatizzazione

Il caffè turco oltre al caffè e basta vanta una lunga lista di abbinamenti con spezie e profumi.

Parliamo un po’ di caffè turco e aromatizzazione.

Caffè turco cardamomo
Il caffè turco si serve per tradizione anche con un piccolo seme di cardamomo sulla superficie del caffè questo basterà a infondere al caffè un gusto speziato incredibile. 

Caffè turco spezie diverse
Se non ti piace il cardamomo, puoi prepararlo con un pizzico di cannella, noce moscata o chiodi  di garofano.

 

Caffè turco in italia? Ti stai chiedendo dove comprarlo? 

Vergnano ha messo sul mercato una speciale miscela di Caffè Turco 100% arabica da preparare con l’Ibrik. La confezione è azzurra e richiama il colore blu, indaco rappresentativo di queste terre. La miscela è poco speziata secondo il gusto italiano non abituato all’uso di spezie, come i turchi al contrario esperti dell’argomento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *